News dal marketing online

Ecco le principali novità del web marketing annunciate di recente delle quali sentiremo parlare per l’anno 2020. Notizie che molto probabilmente orienteranno le strategie del marketing online.

Le news del settore sono quelle ufficializzate dai grandi del web, Google per quanto riguarda la Search e l’ADV, Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn e Pinterest per quando riguarda il Social Media.

Una scadenza su tutte è quella del 1° gennaio 2020 con l’entrata in vigore della web tax che prevede un’aliquota del 3% sui ricavi dei c.d giganti del web. Maggiori dettagli sul sito del Ministero: Web Tax ed economia digitale

Mentre per sapere quali iniziative “tecnologiche” abbia in mente Google per il nuovo anno potremo scoprirlo a partire dal 6 aprile 2020 con Google Cloud Next.

web marketing 2018

Mobile

Tutto ruota (ancora e sempre di più) intorno al “mobile” e nelle sue diverse implicazioni, ed oramai è chiaro a tutti il concetto di Mobile first index.

Sappiamo che non basta più che un sito web si adatti al layout del device, deve assicurare anche e soprattutto una navigazione usabile per l’utente, ovvero: Mobile-first indexing e Mobile friendliness non sono la stessa cosa.

Guardando gli annunci fatti da Google proprio in merito alla questione mobile, ecco almeno 4 degni di nota che avranno sicuramente un loro seguito nell’anno 2020:

  • canonical url come fattore di “consolidamento” (anche) da mobile
  • user experience
  • instant loading amp pages
  • mobile first indexing by default per i nuovi domini

Google News

La lotta alle fake news è sempre presente e lo sarà ancora di più in questo nuovo anno 2020. E ci tengono a farlo sapere: How we highlight fact checks in Search and Google News.

Non solo. Prevedono il miglioramendo dei dati in real time.

Ad ogni modo, Google, ricordiamolo, ha tutto l’interesse (anche e soprattutto economico) affinchè i suoi servizi funzionino e funzionino bene: Google non è un onlus.

Google Ads

Dopo aver cambiato nome (da Google Adwords a Google Ads) sono di recente arrivate nuove implementazioni che faciliteranno la vita dei marketers.

L’ultima novità in ordine di tempo (5 dicembre 2019) è l’introduzione delle “spiegazioni” che ci aiuterà a capire meglio il rendimento delle campagne Google Ads.

Però sono inserite delle migliorie anche allo strumento keyword planner e al punteggio di ottimizzazione che ora include anche le campagne display.

Poi con la versione, seppure beta, dei masthead YouTube sugli schermi TV si ipotizza un 2020 a suon di annunci. Così come per gli annunci app con l’aggiornamento di nuovi modelli.

Qui tutte le funzionalità annunciate (in Lngua Italiana).

SEO

Nel post di aggiornamento del blog ufficiale – An update 2019 – si parla di diversi concetti che in realtà vengono ribaditi ma che ci fanno capire quale sarà la strada da prendere: aggiornamenti Google, robots.txt, backlink e nofollow.

La Voice Search è ancora, in Italia, relegata alle ricerche di tipo locali ma l’attenzione cresce e gli sviluppi in questa ottica non sono, onestamente, ancora molto chiari. Di fatto i grandi del web, incluso Google, stanno lavorando nel perfezionare le voci “sintetiche” per farle sembrare più umane possibili e non solo….insomma questa specie di “news” non ha a che fare propriamente con la SEO.

Come non citare Bert? Diciamo che sulla questione c’è un po’ di confusione, di fatto, come annunciato ufficialmente, si tratta di machine learning in grado di capire meglio le ricerche.

Social

A livello Social pare che la preoccupazione di tutti (Facebook in primis) sia quella di mostrare un impegno costante nell’eliminare le fake news. Quanto questo proposito si realizzi poi in fatti concreti staremo a vedere, di fatto è un annuncio che già in passato è stato fatto più volte. Ad oggi la situazione è sicuramente migliorata ma è anche ampiamente migliorabile.

Ad ogni modo Facebook ha puntanto l’attenzione, oltre che sul fact-checking anche nel combattere la “misinformation” su Instagram. E in generale sta puntanto sui video ancora in modo più stringente, soprattutto “video calling”.

Twitter dopo aver introdotto i Topic annuncia anche la possibilità di usare i Twitter brand survey per “misurare” il brand. Per ora solo in US, UK, Canada, Giappone e Brasile. Nel caso del microblog consigliamo la lettura del suo ultimo documento: The state of social intelligence: 2019 year in review proprio perchè per capire il futuro bisogna avere chiaro il passato!

Pinterest ha dato vita a un sito interamente dedicato a 100 ispirazioni per il 2020 e si chiama, appunto, Pinterest 100.

Trend 2020: web marketing e non solo

Volendo riassumere in pochi punti i trends del marketing online dell’anno sottolineiamo che non sono news ma si rafforzeranno ancora di più nel corso dei mesi e per onestà professionale aggiungiamo anche che sono gli stessi dello scorso anno.

1) Brand, non keyword.
Da più parti viene posto l’accento sul ruolo vitale di costruire strategie di web marketing dove sia il brand la vera “parola chiave” quella che, dati alla mano, converte maggiormente. Ancor di più per il nuovo anno.

2) Big data e machine learning
Occupandoci specificatamente anche di questo settore ci siamo resti conto che la curiosità per questo argomento è aumentata nel tempo, è però necessario ora strutturare le imprese affinchè sappiano quali son i “data” da utilizzare.

3) Esperienza utente
Anche per l’anno appena trascorso abbiamo sentito tanto parlare e invogliare i proprietari dei siti a creare contenuti e layout usabili: questo argomento sarà molto probabilmente uno dei concetti chiave anche per il perchè richiama ulteriori argomenti a sè legati come, appunto, i contenuti ma anche la “forma”.

4) Veridicità e affidabilità delle informazioni.
In seguito alle c.d. fake news, la guerra contro questi contenuti si è fatta più seria anche da parte di altri grandi come Facebook. Non finisce qui però perchè le insidie sono tante potenzialmente quanti sono i documenti web online: si prevedono novità anche in questo settore.

5) Sicurezza del sito.
Non è una novità ma di certo Google ha notevolmente aumentato i cotenuti dedicati alla sicurezza dei siti web con tanto di hashtag dedicato (#NoHacked) e fornisce una sezione in continuo aggiornamento. E questo deve continuare a farci riflettere.

6) Realtà aumentata, advergame e Mobile.
Le novità nel settore mobile marketing sono quasi all’ordine del giorno. La realtà aumentata applicata alle strategie di marketing online che richiedono una partecipazione attiva dell’utente sposano perfettamente questo strumento che lungi dall’essere un mero accessorio è orami diventato un oggetto irrinunciabile.

Servizi web marketing