Report e-commerce 2018

Pubblicata l’edizione 2018 del report e-commerce intitolato Commercio online: il passo lento dell’Italia. Identikit del consumatore online e delle imprese in Europa.

Il giro di affari del mercato italiano online, tra imprese e consumatori, secondo le nostre stime è pari a 25,2 miliardi di euro: rispetto al 2016 si è registrata una riduzione di circa 700 milioni di euro, corrispondente ad una variazione percentuale del -2,8%.

In pratica sono sì aumentate le persone che acquistano online ma è diminuito il numero medio di acquisti pro-capite e comunque, a confronto con l’Europa, l’e-commerce nel nostro paese resta ancora poco diffuso: solo il 32% degli italiani ha fatto acquisti online rispetto al 57% dell’Area euro. Il divario con le migliori realtà europee, quali Regno Unito (82%), Germania (75%) e Francia (67%), appare ancora più ampio.

Report e-commerce
report e-commerce 2018
Indice del Report

  • Executive summary;
  • E-commerce: diffusione tra i consumatori europei;
  • Imprese e web;
  • Grafici.
Download
Per scaricare il report e-commerce in formato PDF clicca su questo link: Report e-commerce in Italia

Report e-commerce: executive summary

Come per i precedenti report dedicati al commercio online, in Italia l’utilizzo di Internet per acquistare beni e servizi da parte delle famiglie continua a essere un’attività non molto diffusa.

Sebbene si registri un aumento del numero di consumatori che hanno acquistano via Internet, ciò non basta a colmare il gap nei confronti con l’Europa: l’Italia si posiziona davanti solo a Croazia, Bulgaria e Romania, a pari livello con Cipro e Grecia.

Il grafico sottostante, contenuto nel Report e-commerce, mostra chiaramente la differenza tra il nostro Paese e gli altri Paesi europei in termini di composizione percentuale.

Grafico 4. UE28: mercato dell’e-commerce B2C – composizione percentuale
prodotti e servizi non finanziari

e-commerce in Europa

Fonte: elaborazioni e stime BEM Research su dati Eurostat

 

Acquisti online per genere ed età

Guardando al consumatore tipo, sono soprattutto gli uomini a fare acquisti online, con un’età compresa tra i 24 e 34 anni.

In un arco di tempo di 3 mesi sono appena il 20% le donne italiane che nel 2017 hanno utilizzato Internet per le loro spese, contro il 26% degli uomini.

Area geografica

Dal punto di vista delle regioni italiane,  si rileva come anche nel 2017 siano i residenti in Friuli-Venezia Giulia quelli più propensi all’utilizzo del web per effettuare acquisti, seguiti da Valle d’Aosta, Trentino-Alto Adige ed Emilia-Romagna.

In fondo alla classifica, seppur con dei miglioramenti, restano Campania, Calabria e Sicilia. Mentre l’Abruzzo è l’unica regione ad aver segnato un peggioramento rispetto all’anno precedente.

Prodotti maggiormente acquistati online

Tra i prodotti maggiormente acquistati online dalle famiglie italiane si trovano:

  • abbigliamento (17%)
  • viaggi, trasporti e articoli per la casa (16%)
  • prodotti tecnologici (14%)
  • libri e giornali (13%)
  • film, musica e biglietti per spettacoli (11%)
  • alimenti (5%)
  • telefonia e servizi assicurativi (4%).

Dal dettaglio per classi di età si osserva che i giovani acquistano online soprattutto sui capi di abbigliamento. I più anziani, invece, quando utilizzano il web si dirigono principalmente verso articoli per la casa e tecnologia.

I prodotti tecnologici sono quelli con la propensione a essere acquistati sul web più simile per tutte le classi d’età considerate.

Imprese italiane e commercio online

Anche dal lato dell’offerta l’Italia mostra un ritardo rispetto alla concorrenza europea. Nel 2017 sono state appena l’8% le imprese non finanziarie italiane con almeno 10 dipendenti ad aver ricevuto un ordine tramite l’online, un valore invariato rispetto all’anno passat.  Quando la media dell’Area euro è stata invece pari al 18%.

Considerando l’incidenza del fatturato ottenuto tramite l’e-commerce si ottiene una fotografia leggermente migliore rispetto a quella degli ordinativi. Questo appare dovuto soprattutto all’impegno delle aziende che vendono prodotti a maggior valore aggiunto, come per esempio nel settore lusso.

Report e-commerce passate edizioni (PDF)